In USA: abuso della forza e disprezzo dei diritti umani

 ‪#‎fermiamoladittatura‬, un appello a tutti i Magistrati ad aprire indagini su tutti i politici ed i loro complici per USURPAZIONE DI POTERE POLITICO, perché da oltre 9 anni governano e legiferano grazie ad una legge elettorale-broglio, ossia tramite ripetuti colpi di Stato. 

Nessun cambiamento è possibile se non punendo i colpevoli e riprendendoci la democrazia !

FIRMA E DIFFONDI LA PETIZIONE

Se vuoi una cosa devi fare qualcosa #fermiamoladittatura

Nessuna forza di Polizia negli Stati Uniti ha regole conformi agli standard internazionali sull’uso della forza letale e addirittura in 13 Stati le norme vigenti sono in contrasto con le tutele costituzionali.

Questi i dati più inquietanti dell’accurato rapporto pubblicato giovedì scorso da Amnesty International sull’abuso della forza letale da parte delle forze di polizia negli Stati Uniti.

Per chi volesse semplicemente scorrere i dati salienti può leggersi il comunicato stampa in Italiano

Ma andiamo con ordine:

Era l’agosto 2014, quando, in seguito all’uccisione del giovane afroamericano Michael Brown, durante una manifestazione a Ferguson, Missouri, Amnesty International, per la PRIMA VOLTA nella sua storia inviava negli Stati Uniti un gruppo di osservatori composto da 12 persone, con l’incarico di verificare la condotta e i metodi della polizia negli Stati Uniti.
A ottobre veniva pubblicata la relazione di quegli osservatori che cominciava con questa frase inequivocabile: “La forza letale non era giustificata”
Il report continuava evidenziando come “La polizia di Ferguson ha violato il diritto umano di riunione pacifica”, condannando in modo particolare l’uso di proiettili di gomma e gas lacrimogeni per interrompere le proteste, oltre alle minacce contro i giornalisti e gli osservatori legali.
Infine, il documento invitava i legislatori statunitensi a regolarizzare i loro statuti in conformità alle norme internazionali, chiedendo una revisione delle tattiche usate dalla polizia, che violano gli standard internazionali.
E adesso l’osservazione si chiude con questo Report.

Ora la domanda è:
Perché Amnesty International, fondata nel 1961, ha aspettato più di 50 anni prima di ficcare il naso negli Stati Uniti ?

Io sono convinto che quell’atto sia stato obbligato dall’immediata imponente pacifica mobilitazione della minoranza afroamericana che, preso a simbolo della protesta l’hashtag #blacklivesmatter, è scesa compatta in strada per denunciare gli abusi della polizia.

Il movimento, comunicando attraverso i social, si è fatto conoscere e ha raccolto adesioni in tutto il mondo, ovunque si svolgevano manifestazioni di protesta, non erano le imponenti marce degli anni ’60 ma dappertutto, in ogni momento si poteva trovare un flash-mob di #blacklivesmatter e ben presto anche i media sono stati costretti a parlarne e dare pubblicità alle ragioni dei manifestanti.

Solo questo ha indotto Amnesty International a mandare gli osservatori e mettere nero su bianco quello che più o meno tutti pensavamo.

TUTTO DIPENDE DALLA DETERMINAZIONE DEI CITTADINI
DALLA LORO CAPACITA’ DI COMUNICARE E DI USARE A PROPRIO VANTAGGIO GLI STRUMENTI DELL’OPPRESSORE

se vuoi una cosa devi fare qualcosa ….. #fermiamoladittatura

Luca Rossi – referente attivisti Gruppo Libra

NESSUN CAMBIAMENTO SARA’ MAI POSSIBILE SE NON SARANNO FERMATI E PUNITI I COLPEVOLI E RIPRISTINATI IL DIRITTO DI VOTO E LA COSTITUZIONE!

ALTRI STRUMENTI DI LOTTA:

1. Leggi, firma e diffondi la:
DENUNCIA PER GRAVI REATI CONTRO LO STATO

2. SCARICA E PRESENTA LA
DICHIARAZIONE DI NON VOTO

3. Se rischi di perdere la casa opponiti
RICORSO COSTITUZIONALE CONTRO GLI SFRATTI

CONTATTA IL GRUPPO TECNICO POPOLARE LIBRA

Referente tecnico Libra – Era Angal 
e-mail: gruppotecnicolibra@gmail.com

Referente attivismo – Luca Rossi 
Telefono 329 897 3193

E’ SOLO L’INIZIO DI UN’INNOVATIVA LOTTA DI LIBERAZIONE:
Come liberare l’Italia e ristabilire la democrazia

SU #fermiamoladittatura :
PRIMO PROCESSO PENALE APERTO CONTRO TUTTI I POLITICI

INTERVISTA GRUPPO LIBRA
Leggi l’intervista su generazioneweb

SEGUICI SU TWITTER

SEGUI LA MOBILITAZIONE SULLA PAGINA FB

EVENTO facebook per contatti e domande frequenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...