NO MUOSS il 25 novembre la sentenza del TAR

Integrazione degli strumenti di lotta, come fa il Gruppo Libra per risolvere il problema alla radice, ossia l’assenza di democrazia.

NO MUOSS, oltre la protesta il processo: il 25 novembre la sentenza del TAR.

I NO MUOS, oltre alla protesta popolare, hanno anche promosso formale procedimento al TAR e la sentenza sarà resa pubblica il 25 novembre prossimo.

Promuovere un’azione legale significa in primo luogo buona fede.

Troppo facile limitarsi a semplici parole o proteste di un giorno senza progettualità concrete.

Ma, soprattutto, significa riconoscere quanto è importante la democrazia e le sue istituzioni e cercare di riappropriarsene, ossia “liberarle dal nemico”, invece di abbatterle e perdere secoli di progresso e lavoro già fatto.

Si tratta d’integrare TUTTI gli strumenti di lotta (politica, di piazza, giudiziaria, culturale, etc.), proprio come Il Gruppo tecnico-popolare Libra fa da mesi contro la dittatura e la violazione dei diritti fondamentali.

Ma, come sempre detto, i processi per essere efficaci in questi casi necessitano di un’opinione pubblica che si faccia sentire.

Per questo il Gruppo Libra, oltre ad attendere questa importante sentenza,

CHIEDE A TUTTI DI CONDIVIDERE QUESTO POST

così da fare anche noi la nostra parte per diffondere e sostenere il ricorso dei NO MUOS

Nel frattempo un nuovo studio commissionato dai cittadini rivela le alterazioni alle cellule umane prodotte da questo tipo di antenne.

Era Angal – responsabile Legale del Gruppo Tecnico Popolare Libra
Avvocato pubblicista, lavora per le istituzioni nell’ambito dei diritti umani 
Ha scritto l’UNICA denuncia che ha aperto le indagini su TUTTI i politici degli ultimi 20 anni 

 

L’ARTICOLO: http://meridionews.it/articolo/29334/lo-studio-il-muos-altera-le-cellule-umane-arriva-un-nuovo-allarme-sul-tavolo-del-tar/

Lo studio: «Il Muos altera le cellule umane»
Arriva un nuovo allarme sulla parabola Usa

ANDREA TURCO
13 NOVEMBRE 2014

CRONACA – Altre incognite arrivano dall’ultima relazione a pochi giorni dalla sentenza del 25 novembre sulla revoca della revoca delle autorizzazioni da parte della Regione. Un esperimento a 800 metri dalla base statunitense di Niscemi segnala il rischio di alterazioni cellulari. E critica le misurazioni dell’Arpa Sicilia

Per il movimento No Muos il 25 novembre è ormai dietro l’angolo. Si attende la sentenza del Tar sul ricorso presentato dall’associazione No Muos Sicilia contro la decisione della Regione Siciliana per la famosa revoca della revoca alle autorizzazioni per l’installazione delle parabole militari all’interno della riserva naturale Sughereta di Niscemi.

Dopo la relazione di verifica, depositata il 12 settembre scorso, del prof Marcello D’Amore che aveva smontato le rassicurazioni dell’Istituto Superiore di Sanità, di Ispra e dell’Enav, un nuovo studio (anch’esso già sui tavoli dei giudici del Tar) lancia ulteriori allarmi sulle alterazioni cellulari e questa volta critica le misurazioni di Arpa Sicilia. I risultati preliminari relativi agli effetti biologici delle emissioni elettromagnetiche presenti nella zona adiacente alla base statunitense, sono stati commissionati da un gruppo di cittadini e condotti dal dottor Fiorenzo Marinelli, ricercatore presso l’Istituto di Genetica Molecolare del Cnr di Bologna, a dal professor Massimo Coraddu, del Politecnico di Torino e consulente, insieme all’altro docente Maurizio Zucchetti, del comune di Niscemi.

Nello studio di 18 pagine si legge in premessa che «la letteratura scientifica pubblicata negli ultimi anni dimostra che avvengono significativi effetti biologici a livello cellulare e dei sistemi d’organo per esposizione a campi elettromagnetici a livelli non termici». Condizioni che si verificano sin dal 1991 per le antenne militari in contrada Ulmo. E’ stato inoltre condotto un esperimento, cioè un’esposizione di cellule presso un’abitazione a 800 metri dal centro radiante dell’antenna Lf, quella alta 150 metri che comunica coi sottomarini nel Mediterraneo. Si apprende che «la scelta è dovuta anche al fatto che si tratta dell’unico sito monitorato in modo continuativo, sin dal dicembre 2008 dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente della Regione Sicilia (ARPAS) che vi ha effettuato anche numerose misurazioni puntuali, sia in banda larga che in banda stretta». Solo che «tutte le misurazioni di ARPAS sono relative alle condizioni di campo imperturbato». Con l’aggiunta che i militari americani non hanno collaborato, omettendo di fornire ulteriori dati.

Sugli effetti dei campi elettromagnetici il gruppo di ricerca ha poi messo a punto una nuova metodologia di indagine scientifica. «Abbiamo utilizzato – si legge nello studio – il metodo della coltivazione in campo mediante un incubatore portatile per cellule che mantiene le condizioni standard di coltura». Le conclusioni destano preoccupazioni. Attraverso il meccanismo di de-metilazione del dna l’esposizione continua alla radiofrequenza provocherebbe «una maggiore instabilità genomica nelle cellule ed una progressiva instabilità cromosomica». Insomma un maggior rischio di tumori in un territorio a rischio già pesantemente colpito dall’ormai ex Raffineria di Gela.

UN VECCHIO ARTICOLO RELATIVO AL PROCESSO
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/03/27/news/muos_sit-in_davanti_al_tar_sentenza_slitta_prevista_entro_l_anno-82044394/

 

Leggi la versione integrale della DENUNCIA LIBRA anche per note e fonti

La denuncia che ha aperto per la prima volta in assoluto le indagini contro tutti i politici degli ultimi 20 anni per gravi reati contro lo Stato: Attentati ai diritti politici dei cittadini (art. 294 c.p.) – Usurpazione di potere politico (art. 287 c.p.) e più gravi reati contro lo Stato

Leggi l’atto di opposizione ATTO DI OPPOSIZIONE LIBRA

 

Contatta il gruppo LIBRA per informarti e contribuire

La strategia di LiberAzione Nazionale Tecnico-Popolare del Gruppo Libra fornisce alle lotte popolari gli strumenti tecnici, legali e comunicativi, per la rivoluzione pacifica, intelligente ed innovativa del terzo millennio.

Pagina FB: NORIMBERGA ITALIANA La LiberAzione Nazionale TecnicoPopolare

Evento FB: Sabato 11 ottobre – Norimberga Italiana – Tutti a Roma per l’apertura delle storiche indagini

Google: denuncia politici Libra – Libra Norimberga italiana

Referente Tecnico (solo per contatti stampa e questioni tecnico-legali): gruppotecnicolibra@gmail.com

Referente attivisti e blog: Luca Rossi       329 89 73 193

Per chi vuole partecipare alle azioni di comunicazione dal basso

GRUPPO D’AZIONE LIBRA  https://www.facebook.com/groups/1530062090560189/

La strategia di LiberAzione Nazionale Tecnico-Popolare del Gruppo Libra fornisce alle lotte popolari gli strumenti tecnici, legali e comunicativi, per la rivoluzione pacifica, intelligente ed innovativa del terzo millennio.

L’AGO DELLA BILANCIA SEI TU !
Norimberga Italiana: la LiberAzione Nazionale TecnicoPopolare

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...