Il GIP archivia la prima denuncia LIBRA

LA STRATEGIA E’ QUELLA GIUSTA: L’abbiamo dimostrato l’11 Ottobre al Pantheon e in 9 mesi di Norimberga italiana, oltre che in Procura.

Le motivazioni del GIP

Arriva l’ordinanza di archiviazione e ce l’aspettavamo.

L’accoglienza, nei due appuntamenti alla Procura di Roma, come raccontato, non è stata certo “calorosa”.
Anzi direi che ABBIAMO DATO MOLTO FILO DA TORCERE, per essere la prima volta che ci provavamo!

Già quando ricevemmo le motivazioni alla richiesta di archiviazione del PM, il penalista che mi dà qualche consiglio mi disse: “bè e non sei felice?”.

Certo che lo ero: non era una motivazione!

Anche il GIP conferma in tutto e per tutto le “motivazioni” del PM, anzi ci tiene a precisare che la sentenza della Corte Costituzionale non evidenzia affatto una lesione dei diritti politici dei cittadini e che “appare evidente la insussistenza di alcuna condotta penalmente rilevante”.
Poi naturalmente conferma, come il PM, che tutto ciò non è stato fatto con “violenza, minaccia ed inganno”, negando persino il concetto di violenza impropria, che è del tutto pacifico in dottrina e giurisprudenza dai primordi del diritto penale italiano (anni ’20).

Ossia il fatto che queste persone, occupando illegalmente funzioni pubbliche, stanno commettendo una VIOLENZA, anche se non di tipo fisico-meccanica, della quale una volta conquistato saldamente il potere – mediante l’evidente manipolazione del sistema elettorale – non c’è bisogno.
Basta fare leggi anti-democratiche, distruggere la Costituzione ed utilizzare i poteri coercitivi dello Stato, ossia le forze dell’ordine, e la “giustizia”, appunto – come vediamo anche nell’incostituzionale ingerenza di personalità delle politica negli organismi che regolano la magistratura – per piegare il dissenso e la resistenza dei cittadini.

Siamo noi che diciamo che il rapporto di rappresentanza democratica non sussiste, mica la Consulta!

Inoltre, il GIP SEMBRA ADDIRITTURA CONTESTARE LA SENTENZA DELL CORTE COSTITUZIONALE stessa, sostenendo che “i denuncianti obiettano” che è venuto meno il rapporto di rappresentanza.
Ma non lo obiettano i denuncianti, LO DICE NERO SU BIANCO LA CONSULTA, ossia la massima giurisdizione dello Stato.

Cito dalla denuncia alcuni passi salienti della sentenza costituzionale sul Porcellum, sono quelli virgolettati, per ricordare come sempre che quella sentenza non è come ci hanno raccontato Zagrebelsky, Napolitano e Repubblica di certo.
Loro l’hanno volta far intendere come una grande sanatoria globale, l’esatto contario di ciò che è: un grande, quanto scandaloso, accertamento di ILLEGALITA’ GRAVISSIMA. Talmente grande da rappresentare un’ingente FALLA DEL SISTEMA:

– La sentenza della Consulta delinea un allarmante “meccanismo intrinsecamente irrazionale”, palesemente in contrasto con lo scopo di assicurare sia la governabilità, sia la rappresentatività e che “priva l’elettore di ogni margine di scelta dei propri rappresentanti, scelta che è totalmente rimessa ai partiti”, talmente da “determinare una oggettiva e grave alterazione della rappresentanza democratica, lesiva della stessa eguaglianza del voto”. –

Ma non sono queste le sole COSE STRANE DI QUESTO PROCEDIMENTO STORICO aperto da Libra.
Ne elenco qualcuna a mo’ d’esempio:

– Sia il PM che il GIP si sono voluti rifiutare di considerare anche il reato di Usurpazione di potere politico, art. 287 cp, chiaramente denunciato già alla PRIMA PAGINA della denuncia e si sono limitati ad analizzare quello meno grave, Attentati ai diritti politici dei cittadini, art. 294 cp.

– Sebbene la denuncia contenesse i nomi di almeno 50 responsabili, e l’atto d’opposizione l’indicazione di almeno 20 presunti colpevoli da interrogare, nessun indagato è stato iscritto nel registro.

– Non si sa più nulla delle decine di denunce presentate in altre parti d’Italia, cosa che è comunque responsabilità dei singoli denuncianti seguire, sono state fornite le indicazioni su come fare per avere informazioni (richiesta ex art. 335 cp).

– Due denunce presentate a Roma, sono confluite nel fascicolo prima dell’udienza davanti al GIP, ma non sono state espletate le doverose notifiche, che avrebbero permesso a quelle persone di partecipare all’udienza.

E ora?

QUANDO SI APRE UNA BRECCIA COSI IMPORTANTE, TANTE POSSONO ESSERE LE IMPLICAZIONI FUTURE, su tanti diversi piani.

Sul piano giudiziario, ad esempio, sembrano esserci tutte le basi per un RICORSO IN CASSAZIONE, cosa per cui è obbligatoria l’assistenza di un Avvocato, e, dunque, non può essere seguita da me se non a livello di consulenza.

Inoltre, come sapete, L’IMPORTANTE NON E’ LA DENUNCIA, MA IL POPOLO consapevole ed intelligente, che se ne fa difesa ed arma.

Purtroppo la prima denuncia Libra è nata in circostanze sfortunate e ha dovuto subire mille tradimenti, “artifizi e raggiri”, come tutte le cose davvero pericolose.

Ma la strategia ha resistito, grazie alle persone che la seguono sempre più attentamente, aderendo all’obiettivo vitale:

LIBERARCI SUBITO, RIPRISTINARE DEMOCRAZIA E DIRITTI!

Legge e Comunicazione, sono le uniche armi potenti, ma pacifiche, di cui disponiamo, oltre la cultura.
Le stesse armi che usano loro e di cui VOGLIONO FARCI PENSARE di essere gli unici detentori.

Quando si è in battaglia e tutto attorno è azione, caos ed attacchi senza esclusione di colpi, non si riesce neanche a vedere con chiarezza, come vedo ora, che abbiamo trovato anche dei rari, quanto preziosi, alleati tecnici, nonché sempre più cittadini VERI che collaborano al lavoro di gruppo.
Diamoci il tempo, che IL PROCESSO SI RIFA’ e stavolta al Pantheon, o magari alla Procura di Roma, saremo 1.000.

E’ l’unica vera chiave del successo:
SI FACCIA IL POPOLO, PRESTO E BENE!!!

A questo siamo chiamati TUTTI, nessuno escluso.

Era Angal – responsabile Legale del Gruppo Tecnico Popolare Libra
Avvocato pubblicista, lavora per le istituzioni nell’ambito dei diritti umani 
Ha scritto l’UNICA denuncia che ha aperto le indagini su TUTTI i politici degli ultimi 20 anni 

 

Leggi la versione integrale della DENUNCIA LIBRA anche per note e fonti

La denuncia che ha aperto per la prima volta in assoluto le indagini contro tutti i politici degli ultimi 20 anni per gravi reati contro lo Stato: Attentati ai diritti politici dei cittadini (art. 294 c.p.) – Usurpazione di potere politico (art. 287 c.p.) e più gravi reati contro lo Stato

Leggi l’atto di opposizione ATTO DI OPPOSIZIONE LIBRA

Contatta il gruppo LIBRA per informarti e contribuire

Pagina FB: NORIMBERGA ITALIANA La LiberAzione Nazionale TecnicoPopolare

Evento FB: Sabato 11 ottobre – Norimberga Italiana – Tutti a Roma per l’apertura delle storiche indagini

Google: denuncia politici Libra – Libra Norimberga italiana

Referente Tecnico (solo per contatti stampa e questioni tecnico-legali): gruppotecnicolibra@gmail.com

Referente attivisti e blog: Luca Rossi       329 89 73 193

 

 

L’AGO DELLA BILANCIA SEI TU !
Norimberga Italiana: la LiberAzione Nazionale TecnicoPopolare

Annunci

One thought on “Il GIP archivia la prima denuncia LIBRA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...